Ciao, sono Giorgia, una sposa come te, e voglio raccontarti la mia storia.

Mi sono sposata a giugno scorso e ho iniziato a cercare il fotografo per le mie nozze circa un anno prima.

Inizialmente mi sono documentata un po’ sul web, ricevendo solo una serie di preventivi tutti uguali: un elenco di prodotti con un prezzo scritto alla fine. Della serie “chi ti offre di più vince”. Prezzi stracciati oppure all’opposto, esagerati. Io chiedevo informazioni e loro mi davano prezzi. Non stavo ricevendo quello di cui avevo bisogno, nessuno rispondeva alle mie esigenze e molti amavano solo vantarsi della loro qualità e professionalità.

Ma se sei un fotografo professionista, non è ovvio che tu sia professionale? E che tu faccia servizi di qualità?

Decido quindi di armarmi di santa pazienza e incontrare personalmente ogni fotografo, accompagnata da Simone, il mio futuro marito. Immagina quanto fosse contento prima di ogni appuntamento… ogni volta cercava una qualsiasi scusa pur di non venire.

Abbiamo incontrato più di una decina di fotografi, che in studio ci hanno illustrato il loro lavoro.

Tanti, forse anche troppi. Li abbiamo ascoltati, ci hanno spiegato i loro servizi e abbiamo visto i loro prodotti, ma nessuno ci ha colpito, nessuno ha risolto il nostro problema più grande: essere spontanei e vincere la timidezza.

Noi cercavamo un fotografo che non facesse le solite pose classiche, che non rientrasse nell’ordinario. Volevamo qualcuno che facesse qualcosa di diverso. In giro avevamo visto sempre le stesse immagini: foto scenografiche, pose banali, album che non avevano incontrato il nostro gusto, video noiosi tutti uguali tra loro.

Noi cercavamo un servizio giovanile e dinamico.

Un giorno, scrollando dal telefono la mia home di facebook, noto la sponsorizzata di un evento per gli sposi. “E che non ci andiamo?!”, penso tra me e me. Propongo così a Simone di farci una passeggiata, con la scusa di un gelato, un giro tra i fornitori, magari troviamo quello giusto per noi. E ci siamo imbattuti in Francesca e Giuseppe, dello studio fotografico “Mazzocchetti young”.

Siamo subito rimasti colpiti dal loro lavoro, dallo stile fotografico, fresco ed elegante, dai video ognuno diverso dall’altro, ma soprattutto ci siamo sentiti subito a nostro agio, che per noi era la cosa più importante.
Siamo stati da loro in studio per il preventivo e, tra una chiacchiera e l’altra ci siamo conosciuti, ci siamo sentiti ascoltati. Sono stati gli unici a chiederci come stavamo e se avevamo bisogno di consigli. Gli unici che ci hanno chiesto come potevano aiutarci, prima ancora di illustrarci i loro servizi e prodotti.
Finalmente avevamo trovato ciò che cercavamo!
Essendo la nostra prima esperienza (è la prima volta che ci sposiamo!), ci siamo affidati ai loro suggerimenti e abbiamo rotto l’imbarazzo davanti alla macchina fotografica.

Francesca e Giuseppe ci hanno parlato di una cosa che non avevamo mai sentito prima: l’esperienza naturale.
è il loro metodo, così semplice ma nello stesso tempo così efficace, che ci ha colpito molto e ne abbiamo visto gli effetti. Non solo conoscendoci è scattato un feeling, molto spontaneo, tra di noi, ma siamo arrivati il giorno del matrimonio che già sapevamo cosa ci aspettava e avevamo vinto tutte le nostre paure.

Io sono una persona molto timida e non volevo mettermi in posa, se non facendo qualcosa di immediato e veloce. Simone aveva il terrore di farsi fotografare, si sentiva imbarazzato. Aveva paura di chiudere gli occhi per la luce forte del sole e di sentirsi impacciato. E non volevo tutte le foto con mio marito con gli occhi chiusi!

Con l’esperienza naturale abbiamo risolto tutti questi problemi. Abbiamo provato prima cosa vuol dire essere fotografati con discrezione. Abbiamo fatto delle pose tanto veloci quanto belle, prima del matrimonio.

Il giorno delle nozze è volato. E capiterà anche a te. Arriverai al taglio della torta che ti chiederai “ma è già finita?”. E tutto questo senza intoppi, senza problemi, anche grazie a Giuseppe e Francesca. Ci siamo sentiti guidati delicatamente da loro che hanno reso piacevole l’intera giornata e hanno fatto in modo che si rispettassero tutti i tempi.
Siamo arrivati puntualissimi al ristorante e abbiamo festeggiato tutto il giorno con i nostri ospiti. Le sessioni fotografiche sono state davvero piacevoli: mi sono divertita tantissimo a lasciarmi fotografare. Mi sono sentita importante senza essere imbarazzata. Le stesse immagini, che abbiamo già ritirato, dicono questo. E ogni volta che le riguardo mi emoziono.

L’esperienza naturale è tutta da vivere e il risultato è veramente incredibile.

Provare per credere!

Ti piacerebbe avere la GUIDA DEFINITIVA per scegliere il fotografo giusto per te?

Cosa imparerai leggendo la nostra rivista:
  • qual è il problema più grande che affligge il 95% di coppie di sposi, e che quasi sicuramente riguarda anche te
  • tutti i pro e i contro delle proposte che trovi in giro
  • cos’è l’esperienza naturale, l’unico metodo per essere davvero se stessi davanti all’obiettivo del fotografo

Inoltre contiene una sezione speciale completamente digitale. Una guida pratica alla scelta del fotografo per il tuo matrimonio, con tutte le domande da fare prima di firmare il contratto, e il metodo VAR: come scegliere il fotografo giusto per te solo guardando il suo sito internet e i suoi canali social.